I nostri lavori

Il Brigantaggio è stato un fenomeno presente già nel secolo XVI nei territori italiani del Meridione e consistette nell’individuarsi in un gruppo di malfattori agli ordini di un capo, che si mosse allo scopo di intentare il bene e la vita altrui.

Si è molto discusso in merito alle origini e alle cause del banditismo e al giorno d’oggi la critica ritiene che esso non abbia avuto caratteristiche tali da essere diviso dallo scontento politico, storico e sociale: in poche parole quelli che sono stati definiti “briganti” sono stati l’espressione di un popolo che ha sofferto il malcontento di un’autorità politica in difetto che ha costretto gli abitanti a sostenere una vita di stenti, senza possibilità di miglioramento alcuno.

Il centro e sud italiani furono assoggettati in passato alla politica di dominazione straniera e le loro “nefandezze” furono tra le cause maggiori del risentimento popolare che generò il banditismo.

Esso si sviluppò in tre periodi: nel XVI e nel XVII secoli in seguito alla dominazione spagnola, durante l’occupazione francese e nei primi anni dopo l’Unità d’Italia nel XIX secolo.

Nel  Cinquecento i banditi furono chiamati scorritori di campagna o ladri di cavalli e furono ampiamente combattuti dai militi assoldati dai baroni locali e dai “frati giurati”,  che poco ebbero a che fare con le ordinanze religiose perché figurarono come semplici uomini addetti alla vigilanza dei campi ed autorizzati a portare le armi per debellare le azioni dei malintenzionati.

Qui di seguito i link che conducono alle slides dei nostri lavori. Buona visione!

freccia goticaxcf.jpg

titolotitolo sitotitolotitolo

Annunci